Berlusconi offre tetto e letto solo a chi ha il petto in fuori ma non per amor di patria bensì per procaci attributi fisici e questo è un fatto esibito e vantato da lui stesso.

Quale destino allora per la non avvenente presidente del PD se cadesse in disgrazia e cercasse casa? Si può esser certi che non le sarebbe offerta neppure una capanna o un permesso per momentanei ricoveri sotto i ponti.

E ci dobbiamo sorbire anche la pantomima di reazioni isteriche quanto ipocrite all’On. Napoli rea d’aver detto ciò che chiunque con le rotelle a posto dichiarerebbe anche in un’aula di giustizia.

Che non si può escludere l’origine “inappropriata” di molte carriere di personaggi senza curriculum vitae da pubblico amministratore, decise quindi in base a valutazioni e sollecitazioni le più varie: denaro, ricatti, complicità ed anche rapporti sentimentali da vincoli familiari e da istinti primordiali.

Grande ed attuale rimane la lezione di Alessandro Manzoni là dove ricorda che “il prepotente offende e si ritiene offeso”.

Usque tandem?!

post scriptum:

… una parola di pietà! Ai miei tempi si esibiva quel che si poteva magari vantando un titolo di studio e se si era dotati di strumenti musicali o di musicisti compiacenti (non tutti si possono permettere un Apicella) si ricorreva ad una struggente stornellata. Ma… il “capo”… per dover pagare prezzi così salati e far tutti questi omaggi è davvero ridotto male… sul versante… per così dire sentimentale… Al posto suo tirerei i remi in barca…