Gli esponenti finiani del governo, Andrea Ronchi, Pasquale Viespoli e Adolfo Urso, non parteciperanno all’Ufficio di presidenza del Pdl convocato nel pomeriggio a palazzo Grazioli da Silvio Berlusconi. “Riteniamo -scrivono in una nota congiunta, il ministro per le Politiche Europee, Ronchi, il viceministro allo Sviluppo Economico Urso e il sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, Viespoli – di non partecipare all’odierna riunione dell’ufficio di presidenza per una ragione di stile, di opportunità e di merito in quanto resta irrisolta la questione politica determinatasi nella riunione dell’ufficio di presidenza del Pdl del 29 luglio scorso, presa con il nostro voto contrario. Ribadiamo altresì la nostra piena lealtà e fiducia nei confronti del governo e del patto preso con gli elettori”.