Secondo Freedom House l’Italia è l’unico Paese occidentale in cui non c’é piena libertà di stampa. Il Bel Paese è ”partly free”, parzialmente libero, ed occupa, nel 2010, il 72° posto insieme al Benin, dietro a bastioni della democrazia liberale come il Mali (52°),il Ghana (55°) e le Isole Samoa (63°). L’80% dell’informazione televisiva, in una nazione in cui solo il 20% della popolazione legge quotidiani, è nelle mani del Presidente del Consiglio, che utilizza non solo le tv ma anche riviste e giornali di famiglia per “massaggiare” i suoi nemici.

Ne sa qualcosa Gianfranco Fini.

L’ultima campagna contro il Presidente della Camera parte il 26 luglio 2010 sul quotidiano della famiglia Berlusconi, Il Giornale. Il titolo di apertura è ”La Russa: Adesso Fini la pianti”. Il 27, Fini non la pianta e “chiede la testa di Berlusconi” ergo il 28 luglio Feltri tira fuori il dossier ad orologeria: “Fini, la compagna, il cognato e una strana casa a Montecarlo”. Il 29 luglio il Partito dell’Amore espelle Gianfry e Il Giornale di Famiglia torna su Montecarlo, è un “mistero”. Il 30 luglio tutta la corte è messa in guardia: “Fini , il pericolo è la sua vendetta”. Inizia agosto e il mirino si sposta sulla famiglia di Fini: ”Così è diventata ricca Lady Fini”, poi si torna a battere sulla casa di Montecarlo, “crepe nel muro di omertà” il 2 e paradisi fiscali il 3 agosto. Nonostante il solleone il 5 agosto “Fini trema”.

Il giorno prima Donna Almirante aveva dichiarato: “Fini onesto, non ci giurerei”. Il 6 agosto, dopo aver smesso di tremare Fini, tra una immersione e l’altra, “pugnala alla schiena i suoi elettori”. Il 7 escono le carte e l’8 spunta l’amico del cognato di Fini, cognato che (ma come si permette?) fa la bella vita (11 Agosto). Il 10 agosto era arrivata un’ondata di firme per mandarlo a casa e Fini “è al tramonto e scaricato da tutti”. Il Giornale di Famiglia il 13 passa dagli immobili ai mobili (la famosa cucina) ed ha la prova provata che “Fini mente”. D’altra parte a Montecarlo Fini era un habitue’ (15 Agosto) e il famoso cognato ha persino “usato l’ambasciata per i suoi comodi” (17 agosto). Spunta quindi un altro testimone (18 agosto) ed è proprio un bel “pasticcio” (19 Agosto). Le indagini dei segugi di Mr. B. continuano il 20 tanto che il giorno dopo Feltri si chiede “ma quante case hanno i Tulliani?”.

Gaucci una casa (visto che i Tulliani ne hanno in abbondanza) la vuole subito indietro il giorno dopo: “La casa di Fini è mia”. E’ ovvio che (23 agosto) con un cognato che fa la bella vita a Montecarlo “Fini non può presiedere la Camera”. D’altra parte “i Tulliani sono milionari con le imprese in rosso”. Ormai il mese è quasi finito quando il 27 Il Giornale annuncia “La grande fuga di Fini”. Il 28 si ripassa la lezione : “Fini un mese di silenzi e bugie” e il 31 arrivano, puntuali, anche i comunisti: “l’Unità caccia il compagno Fini”.

Siamo ormai a settembre ma questo Fini non se ne vuole andare, eppure una splendida magione ce l’avrebbe in quel di Montecarlo. Invece il primo settembre “Fini prepara l’assalto finale”. Il due settembre “litiga anche sui pullman”e il 3 settembre Gianfry precipita: “vale il 2%”. Dopo i mari, il 4 settembre arrivano i monti: “Ecco Fini , l’eroe dei due monti. Da Montecitorio a Montecarlo”. Ora basta però spara ancora in prima pagina Vittorio Feltri: ”Caro Fini, adesso ci dica se quella casa è sua”.

In una domenica di fine estate, a Mirabello, si consuma lo strappo finale e i giornalisti di famiglia sparano a lettere cubitali il 6 settembre: “Le infamie di Fini”.

Ecco, comunque, la raccolta completa dei titoli di apertura delle ultime 6 settimane del quotidiano che fu fondato da Indro Montanelli:
26/07 La Russa: ”Adesso Fini la pianti”
27/07 Fini chiede la testa di Berlusconi
28/07 Fini, la compagna, il cognato e una strana casa a Montecarlo
29/07 Adesso Fini spieghi il mistero di quella casa a Montecarlo
30/07 Fini fatto fuori da Berlusconi. Colpo di grazia.
31/07 Fini, il pericolo è la sua vendetta
01/08 Cosi’e’diventata ricca Lady Fini
02/08 Prime crepe nel muro di omertà sulla casa dei Fini a Montecarlo
03/08 Casa a Montecarlo, ecco il contratto tra l’AN di Fini e i paradisi fiscali
04/08 Intervista a Donna Assunta Almirante. “Fini onesto? Non ci giurerei”
05/08 La procura indaga, Fini trema.
06/08 Perché Fini pugnala alla schiena ai suoi elettori
07/08 Tutte le carte che accusano Fini
08/08 Dopo il cognato spunta l’amico
09/08 Fini come Scajola
10/08 Fini a casa,ondata di firme
11/08 La bella vita del cognato
12/08 Fini al tramonto. Scaricato da tutti
13/08 La prova: Fini mente
15/08 Casa di Montecarlo: Fini era un habitue’
17/08 Il “cognato”di Fini ha usato l’ambasciata per i suoi comodi
18/08 Altro testimone: Fini in quella casa
19/08 Il pasticcio di Montecarlo. Lettera di Feltri ai Finiani
20/08 Indagini sulle case della Tulliani
21/08 Ma quante case hanno Fini e Tulliani
22/08 Parla Gaucci: “La casa di Fini e’mia: la rivoglio”.
23/08 Fini non puo’presiedere la Camera
25/08 I Tulliani, milionari con le imprese in rosso
26/08 Le dichiarazioni dei redditi dei Tulliani
27/08 La grande fuga di Fini
28/08 Fini, un mese di silenzi e bugie
29/08 In 150mila hanno firmato per mandare a casa Fini
30/08 Fini e gli aiutini agli amici
31/08 Anche l’Unità caccia il compagno Fini
01/09 Fini prepara l’assalto finale
02/09 Fini litiga anche sui pullman
03/09 Fini precipita: vale il 2%
04/09 Ecco Fini, l’eroe dei due monti. Da Montecitorio a Montecarlo
05/09 Caro Fini, adesso ci dica se quella casa e’sua
06/09 Le infamie di Fini

Viene infine da chiedersi: riuscirà l’ltalia ad agganciare la Bulgaria e la Namibia (76^ posizione) nel rapporto di Freedom House sulla libertà  di stampa nel 2011?

Purtroppo la Russia dell’amico Putin (175^ posizione) e la Libia del socio Gheddafi (terz’ultima al posto n.192) appaiono oggi irraggiungibili.

In un miracolo, comunque, si può sempre sperare.