Francesco Cossiga è morto, e ormai è cosa nota.

Ma come, perchè e per mano di chi? Chiunque, meno i soliti sempliciotti, si sarà posto queste domande.

Un uomo come lui non può essere morto in un modo qualunque, lo sappiamo tutti. Sicuramente ci sarà stato qualcuno ad armare la mano della grande livellatrice, di certo qualche trama di palazzo, ovviamente qualche oscuro complotto, cose così. Per indagare su questo inquietante attentato alla Repubblica, i partigiani Nap e Nat (chi non li conoscesse potrà ritrovarli nel primo episodio – in questo blog – a titolo ‘La resistenza continua‘) tornano in campo con un episodio speciale disegnato ad hoc dal titolo ‘Compagna Morte‘: in un’Italia di inizio millennio e fine regime i compagni inseparabili e incorruttibili affrontano e risolvono uno dei più complicati problemi che da sempre affligge l’uomo: cos’è la morte? c’è vita dopo la morte? Berlusconi ci sarà anche in quella vita?

Tra una settimana il nuovo episodio di Nap e Nat, 5 pagine in technicolor dal titolo inequivocabile ‘Fango’: c’è vita dopo il killeraggio? E che vita è?

Per leggere il secondo episodio, cliccate qui.