“Il piazzale Pablo è spesso oggetto di lamentale da parte dei cittadini per una manutenzione non adeguata, per la presenza di drogati… la questione potrebbe sembrare a qualcuno poco importante, ma per chi ha dei bambini piccoli che giocano su questi prati il problema c’è, eccome!” (Perla Genovesi, 10 giugno 2004 dal blog Dalla parte del torto )

Non bastava la grana Pier Paolo Zaccai, il consigliere PDL della provincia di Roma, protagonista di un droga party conclusosi con un comizio notturno “stupefacente” e con successivo ricovero all’ospedale Grassi di Ostia.
Non era sufficiente lo scandalo esploso nei circuiti biscionati con l’arresto dell’opinionista della defilippiana “Uomini e Donne” (non si tratta della Palombelli, ma di Daniela Rinaldi, poi assolta).

A rinverdire gli antichi fasti delle fan parlamentari della cocaina (fasti inaugurati lo scorso anno a Lugano da una segretaria amministrativa della Lega Nord) è una ex militante di Forza Italia, nonchè ex portaborse del senatore pidiellino Enrico Pianetta. Lei è Perla Genovesi, parmigiana di 32 anni, arrestata nell’ambito dell’operazione Bogotà condotta dai carabinieri di Palermo. Secondo l’accusa, agiva come un vero e proprio corriere della droga, coordinando il narcotraffico e spostandosi costantemente tra Milano, Roma e Palermo. Si trattava di una mastodontica organizzazione internazionale, appoggiata dalla criminalità colombiana e dalla camorra. Su questo sterminato traffico da tempo erano concetrate le indagini, che ieri hanno portato al sequestro di ben venti chilogrammi di cocaina purissima, ultimo carico proveniente dalla Colombia e destinato a Palermo e da qui per il mercato del nord-Italia.
Perla Genovesi era il terminale locale dello spaccio dell’Emilia Romagna, interagendo direttamente con i capi dell’organizzazione.

Qui tutta la storia raccontata dal Tg di Parma e corredata da alcune immagini immortalanti il profilo facebook della Genovesi, che, tra i 285 contatti amichevoli, vantava Franco Frattini e Maurizio Lupi.

Ci auguriamo ardentemente che con il loro miracoloso amore e con la loro calorosa amicizia Perla possa riscattarsi e perdere il vizio di sniffare la cocaina. Per tirarsi su può sempre adottare l’insegnamento del divo Silvio: trangugiare a garganella 24 caffè al giorno.