Sedici arresti e cinquantadue indagati. Una piccola parte dell’asse di potere del movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo è finito dietro le sbarre per la gestione dei servizi sociali del Comune di Catania e del distretto socio sanitario che comprende anche alcuni comuni della provincia.

di Antonio Condorelli