Il Governo ha convocato per mercoledì le parti sociali di Telecom Italia per tentare di scongiurare l’ipotesi dei 3700 licenziamenti prospettati dall’azienda. Lo ha comunicato il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. “Il Governo ha convocato le parti mercoledì pomeriggio proprio allo scopo di mettere in piedi il dialogo tra di esse su un piano industriale fatto, noi ci auguriamo, di investimenti e di sviluppo per la società e per il sistema di telecomunicazioni nel nostro Paese”.

Il capitolo licenziamenti “è un discorso appena cominciato” ha detto Gabriele Galateri di Genola, presidente di Telecom. Sacconi si è augurato che nell’ambito del confronto convocato dal ministero tra il management Telecom e i sindacati, il tema della riorganizzazione industriale possa prescindere dal ricorso agli esuberi. “Confido che venga meno – ha detto Sacconi – l’iniziativa dei licenziamenti. La premessa per il dialogo è il ritiro o la sospensione di questa iniziativa”.