Mentre nel Pdl è di nuovo rivolta contro le ragazze di Berlusconi, per la Campania niente primarie e via libera al plurinquisito sindaco di Salerno.

Da sinistra: l’ex meteorina Giovanna Del Giudice, oggi assistente del senatore Enzo Ghigo, poi la modella pugliese Graziana Capone, detta l’Angelina Jolie di Bari. Infine Angela Sozio, già protagonista di una stagione del Grande Fratello e tra le ospiti del Cavaliere in Sardegna a Villa Certosa.

Per chi suona la Campania
S’ode a destra una squillo che tromba, a sinistra tintinnan manette.La nuova classe dirigente selezionata dai due poli per le regionali è tutta qui. Il Banana, liberatosi di Veronica, depenna dalle liste i candidati con pancia, riporto, orecchie a sventola, e soprattutto privi di poppe, per rimpiazzarli con giovani e procaci veline ingiustamente sacrificate un anno fa quando la first lady le definì “ciarpame senza pudore”. E non si esclude qualche incursione nel ramo escort, sempre fiorente a Palazzo Grazioli. I coordinatori del Pdl, armati di metro e body scanner d’ordinanza, stanno visionando book e calendari per selezionare, anzi misurare il meglio che c’è sul mercato. Il Pd, sempre in ritardo, insegue trafelato pescando nella categoria imputati, ormai abbandonata persino dal Banana. Nasce così la candidatura unica a governatore della Campania di Vincenzo De Luca, ex deputato Ds e sindaco di Salerno, rinviato due volte a giudizio per associazione a delinquere, concussione, falso e truffa. Quisquilie. (Leggi tutto) di Marco Travaglio

Le preferite di B. incrinano il Pdl: “Basta con le veline in lista”
Irritati. Ma non certo sorpresi. Si riparla ancora di “veline” nelle liste elettorali, di posti che il Cavaliere terrebbe per sé in ciascuna regione per candidare, casomai all’ultimo tuffo, la bella tenebrosa di turno o l’Angelina Jolie del Tavoliere. E dentro il Pdl, stavolta, c’è maretta. Che rischia anche di ripercuotersi sugli assetti stessi del partito. L’altra volta, alle Europee, ci pensò Veronica Lario a stoppare i bollori da prodigo monarca elettorale del marito; in un battito d’ali le “veline” furono spazzate via. Ora, però, son tornate. E la base del Pdl non ci sta. Se la ricordano davvero tutti quel “meno male che è intervenuta Veronica”, una battuta del ministro La Russa sussurrata ad alcuni amici dopo la “ripulitura” delle liste di giugno. Stavolta, però, Veronica non c’è. E non ci sarà. Ed è escluso che il ministro La Russa possa tramutare i desiderata in tentativi di far ragionare il Cavaliere. Dunque, il malessere monta. (Leggi tutto) di Sara Nicoli