Diciannovesimo giorno di protesta: il sole di mezzogiorno asciuga umidità e fatica accumulata in un’altra settimana trascorsa sul tetto del nostro Istituto di ricerca.

Oggi è una giornata particolare: siamo protagonisti, infatti, di una storica trasmissione della RAI che, prendendo spunto dalla nostra vicenda, vuole trattare il tema della ricerca ambientale in Italia.

Questo, oltre ad essere un fatto di notevole importanza per noi (ospiti della diretta sono l’On. Ermete Realacci ed, in collegamento da Milano, il vice-Presidente della Camera, On. Maurizio Lupi), rappresenta anche un piacevole diversivo, per allontanare per qualche ora la pressione di una protesta civile che ormai si è protratta fino alle soglie del Natale.

Giorni in cui, di solito, si utilizza il fine settimana per iniziare lo sprint finale verso l’acquisto dei regali e che noi invece prevalentemente dedicheremo, oltre che alla trasmissione, alla preparazione per gli incontri, sia sindacali che istituzionali, in programma la prossima settimana.

Ma prima è necessario far fronte alla vera priorità di questi giorni, ovvero il miglioramento dell’isolamento termico del nostro tendone. Il clima è infatti diventato decisamente più rigido: ma non è il freddo la cosa che più temiamo, bensì l’indifferenza che fin’ora ci ha riservato il Ministro dell’Ambiente.